Giovedì 27 febbraio 2020, alle 14.30, Università Europea, Roma. Conferenza su: Fede e speranza nel mondo del web

I nuovi mezzi di comunicazione rappresentano una grande opportunità di dialogo con gli altri. L’accesso al web ha dato a tutti la possibilità di entrare facilmente in contatto con persone che si trovano in ogni parte del mondo.

Non sempre, però, assistiamo ad un uso costruttivo dei media. A volte c’è un’eccessiva diffusione di cattive notizie, che generano sentimenti di sfiducia e pessimismo.

Eppure basterebbe guardarsi intorno per accorgersi che esistono tante buone notizie, che possono aiutarci a ritrovare speranza nel domani. Il web può essere il posto giusto per raccontarle. Ed è entusiasmante scoprire che spesso sono proprio i giovani ad introdurre su Internet una mentalità nuova ed incoraggiante.

Giovedì 27 febbraio 2020, alle 14.30, all’Università Europea di Roma (via degli Aldobrandeschi 190) si terrà una conferenza sul tema: “Fede e speranza nel mondo del web”. Ne parlerà Rita Sberna, scrittrice e blogger, insieme al giornalista Carlo Climati.

La conferenza, che fa parte delle attività di Responsabilità sociale dell’Università Europea di Roma, sarà un’occasione per riflettere sulle grandi opportunità che il web può offrire ad ognuno di noi per diffondere buone notizie. La storia di Rita Sberna, a cui è dedicato l’incontro, è un esempio di come i giovani possano dare un contributo importante alla cultura della speranza, attraverso i mezzi di comunicazione.

Rita Sberna è nata a Catania nel 1989. Nel 2012 ha iniziato a prestare servizio di volontariato presso Radio Amore, per poi continuare la sua trasmissione “Testimonianze di Fede” nel 2013 presso una web radio genovese, Radio Fra Le Note.

Nel 2015 Rita è diventata una blogger, aprendo un sito con il suo nome e la testata cattolica “Cristiani Today”, in collaborazione con il marito Stefano. Ha partecipato a varie trasmissioni televisive e radiofoniche e ha pubblicato il libro “Il coraggio di aver fede”.

Gli incontri di Responsabilità sociale fanno parte delle attività di Formazione Integrale dell’Università Europea di Roma. Il progetto educativo di questo ateneo punta a sviluppare tutte le sfaccettature della persona, le sue facoltà, le sue abilità e competenze, in modo armonico e completo. Si cerca di favorire l’inserimento dei giovani nella società, offendo strumenti che possano aiutarli a scoprire il senso più profondo della vita.

Rispondi