• Maggio 2019

Missionari Claretiani: Analisi dei risultati dell’inchiesta congregazionale sul progetto ms 70.5 sulla vita in comunità

L’indagine sulla vita comunitaria è stata condotta tra marzo e aprile 2019, come una delle fasi preliminari per preparare i materiali di supporto al fine di facilitare una riflessione interdisciplinare sulla vita della comunità al fine di rafforzarla all’interno della Congregazione , come previsto dal XXV Capitolo Generale (MS 70.5). Il sondaggio consisteva in 10 item (8 domande chiuse e 2 aperte) ed è stato formattato e distribuito attraverso Survey Monkey ai membri della Congregazione. 720 membri hanno risposto al sondaggio, fornendo un tasso di rendimento di circa il 32%, che corrisponde ai tassi di rendimento medi delle indagini. Di questi 720, il 71,7% si identificava come membri di un servizio pastorale in equipe; Il 24,8% come individui che lavorano in un ministero specifico dato per la comunità e ricevuto da essa; e il 3,5% come persone anziane che si uniscono alla missione della comunità attraverso il loro ministero di intercessione e offerta di sofferenza. L’indagine ha generalmente mostrato indicatori favorevoli della vita della comunità. Gli intervistati credono che ci sia un buon senso tra i membri che la loro vocazione è una con-vocazioneattraverso la vita comune e la missione condivisa in comunità. Vi è un livello abbastanza buono di apprezzamento, accoglienza e integrazione delle differenze personali e culturali degli individui all’interno delle comunità. Gli intervistati si considerano in modo schiacciante abbastanza buoni o molto bravi nell’apprezzare e affermare gli altri membri delle loro comunità. Tuttavia, la qualità del dare e ricevere stimoli e correzioni fraterne all’interno degli Organismi Maggiori si sposta principalmente in termini medi, il che indica che c’è spazio per miglioramenti. Anche l’uso della guida e del potere nell’esercizio dell’autorità all’interno degli Organismi Maggiori è appena sopra la media, il che indica un’altra area in cui la vita può essere migliorata. La disparità tra alcuni parametri solleva la domanda: essere felici e affermarsi l’un l’altro nella comunità si basa sul fatto che i membri non sono disposti a offrire e ricevere la correzione fraterna in modo costruttivo? Tra le sfide presentate e in base all’ordine di graduatoria, l’individualismo in crescita è stato identificato come la più grande sfida rispetto a qualsiasi altra sfida. Le seguenti due difficoltà identificate sono le difficoltà nella vita interculturale e intergenerazionale, nonché l’influenza dei social network che riducono la qualità della vita della comunità.Riguardo all’accentuazione (enfasi) che la Congregazione ha abbracciato per se stessa, i partecipanti credono che la comunità chiamata e inviata dalla Parola di Dio, la vita in comune come il primo atto della missione e la comunità configurata per la Missione sono le più importanti accentuazioni nel mondo vitale della Congregazione. Gli ultimi due elementi aperti hanno cercato di spingere alcuni modi pratici in cui i membri hanno contribuito e dovrebbero contribuire alla creazione di comunità gioiose e missionarie. Alcune delle forme più apprezzate sono legate al ministero della presenza; preghiera condivisa, liturgia, ministero e ricreazione; rispetto, apprezzamento e ascolto dell’altro; la disponibilità; il dialogo; amore e perdonoNOTA: se sei un CMF e vuoi vedere l’analisi dettagliata dei risultati, puoi consultare il tuo Segretario Provinciale o della Delegazione.

Fonte: claret.org

Rispondi