Gesuiti Italia. Comunicazione e comunità: un video della Provincia

“Dalle social network communities alla comunità umana” specifica il messaggio in occasione della 53ma giornata mondiale delle comunicazioni sociali. Ma di cosa ha bisogno una comunità? Di cosa non ha bisogno? Quali le difficoltà principali che incontra e quali le strategie da mettere in atto?
Recupero della quotidianità, priorità, uso degli spazi e dei tempi, apertura, attenzione alla comunicazione e alla qualità delle relazioni. Nel video, di 6 minuti, on line in italiano ed inglese, riflessioni e spunti di tredici gesuiti, Superiori di comunità in Italia, Malta, Albania e Romania.

“La cura dello stile delle comunità – spiega il Provinciale, padre Gianfranco Matarazzo – è uno dei quattro punti del nostro progetto apostolico, definito dopo un lungo e profondo ascolto delle diverse realtà esistenti. Una rinnovata attenzione che è di tutta la Compagnia, perchè la comunità e la qualità delle sue relazioni è essa stessa missione. Il nostro servizio apostolico è credibile, soprattutto nel mondo di oggi, se accompagnato anche da una autentica testimonianza di vita fraterna, comunitaria. E’ quanto espresso al numero 13 del Decreto 1 della 36a Congregazione Generale- Nel nostro mondo, che conosce un elevato grado di divisione, chiediamo al Signore di aiutare le nostre comunità a diventare delle “dimore” per il Regno di Dio. Ci sentiamo chiamati a superare ciò che può separarci gli uni dagli altri. La semplicità di vita e l’apertura del cuore promuovono questa reciproca attenzione”.

Gli altri punti su cui gesuiti e laici della Provincia Euro-Mediterranea sono chiamati a lavorare nei prossimi anni sono la formazione ignaziana dei leader apostolici, l’annuncio del Vangelo alle nuove generazioni e l’ideazione di percorsi di ecologia integrale, in ascolto dei poveri.

La nuova realtà di Provincia, nata il 1° luglio del 2017, comprende 478 gesuiti in oltre 100 opere tra scuole, centri culturali, cappellanie universitarie, realtà giovanili e di pastorale familiare, iniziative di promozione sociale, chiese, centri di spiritualità e facoltà teologiche. 51 i giovani in formazione.

Fonte: news.gesuiti.it

Rispondi