• Maggio 2019

Simposio Economi: Linee operative per il futuro

simposio_eco_Si è concluso ieri il Secondo Simposio Internazionale sull’economia organizzato dalla Congregazione per gli Istituti di Vita consacrata e le Società di vita Apostolica presso l’Auditorium della Pontificia Università Antonianum. All’inizio della mattinata il Cardinale João Braz de Aviz, Prefetto della CIVCSVA, si è rivolto ai presenti indicando nuovi cammini di speranza che si sono aperti per i consacrati e le consacrate come frutto dell’Anno della Vita Consacrata. «La speranza di cui parliamo – ha detto – non si fonda sui numeri o sulle opere, ma su Colui nel quale abbiamo posto la nostra fiducia e per il quale nulla è impossibile». Forte è stato anche l’appello a camminare insieme nell’ascolto di Dio e nella sinodalità.

Nel suo cammino, «la persona consacrata si sente chiamata ad anteporre l’essere all’avere, lo stare davanti a Dio rispetto al fare per Dio. I voti rendono capaci di assumere il modo di esistenza di Cristo stesso in cui tale “stare” diventa dono di sé, fecondo nella reciprocità dei discepoli» – ha spiegato Sr Nicla Spezzati, ASC, Sottosegretario della Congregazione nel corso della sua relazione. «Pensare l’economia significa essere inseriti nel processo di umanizzazione, che ci rende, per dirla con i latini, humanissimi, ossia persone nel senso più pieno del termine consapevoli di se stesse e della propria relazione-missione nel mondo: “io sono una missione sulla terra e per questo mi trovo in questo mondo” (EG 273)». «Amministrare la nostra condizione umana con saggezza, nell’obbedienza delle sue leggi intriseche e della vocazione ricevuta è la prima economia a fondamento della vita consacrata», ha detto, sottolineando come una costante magisteriale sia l’attenzione alla scelta di vicinanza e inserimento tra i poveri e di impegno per la giustizia. «Un religioso non può essere dedicato ad opere di giustizia sociale e ad alleviare il disagio dei poveri, senza che la propria vita tenda ad una effettiva povertà; così non si può coltivare una povertà individuale e comunitaria che non si esprima anche in una vicinanza ai bisognosi».

Nel pomeriggio, Mons. José Rodríguez Carballo. OFM, Arcivescovo Segretario CIVCSVA, ha indicato i criteri che devono essere alla base delle future scelte operative:

  • Fedeltà al carisma: uso delle opere e delle risorse dell’Istituto al servizio del carisma.
  • Tutela dei beni ecclesiastici: salvaguardia del patrimonio stabile (e, quindi, del complesso dei beni necessari per garantire l’autosufficienza economica e la sopravvivenza dell’Istituto, nonché per agevolare il conseguimento dei suoi fini).
  • Sostenibilità delle opere: intesa come necessità di esame preventivo e verifica in merito alla capacità delle opere di mantenere, nel contempo, fedeltà al carisma ed equilibrio economico.
  • Capacità di render conto: indicare gli obiettivi e specificare le modalità operative per raggiungerli; rispetto della disciplina canonica e civile; attitudine a rendere conto dei risultati di gestione.
  • Povertà: uso dei beni secondo le finalità a cui sono destinati; distacco da una concezione proprietaria dei beni.

«Da tali criteri – ha concluso – possono essere ricavate alcune indicazioni operative, da declinare secondo le specifiche caratteristiche degli Istituti, con particolare riferimento a natura e attività svolte, dimensione e articolazione, contesto territoriale di operatività, legislazione statuale applicabile e scelte organizzative adottate».

Vittoria Terenzi
Ufficio stampa – CIVCSVA
Cell. 380/3444483
vterenzi@yahoo.it

Rispondi